Skip to content

“Il manifesto del nuovo Umanesimo” Firmato Tzvetan Todorov.

mercoledì 13 febbraio, 2008.

carcassonne.jpg

Libero riadattamento/citazione dall’articolo di G. Riva apparso sul sito dell’Espresso il 5 febbraio.
 

Ci si può immaginare di camminare lungo le strade deserte di San Pietroburgo con il principe Myskin, l’idiota di Dostoevskij e chiedersi, perché proprio lui, il migliore degli uomini, deve chiudere la propria esistenza da demente. Si può amare alla maniera di Paolo e Francesca, o provare gelosia come Otello. Si può vincere la depressione leggendo poemi di Wordsworth e avere quella gioia interiore che arriva dalla contemplazione tranquilla delle bellezze della natura (è successo a John Stuart Mill). Si può stare in carcere e volare inventando un mondo parallelo di donne fatali e uomini bellissimi, basti pensare a Il bacio della donna ragno di Manuel Puig.

Serve alla vita tutto questo? Serve, risponde Tzvetan Todorov, filosofo e intellettuale bulgaro-francese, tra i massimi contemporanei, col suo libro La letteratura in pericolo uscito in Italia il 7 febbraio per Garzanti. Todorov è ben cosciente che la parola ha una funzione consolatoria e il carcere è il luogo dove massimamente si esprime. Ma solo consolatoria? 

No, il filosofo fa un passo in più. Sostiene: La letteratura è necessaria per vivere bene. Non tocca l’iperbole assoluta, non la cataloga indispensabile: Certo si può vivere senza molte cose, ma una volta che ci si è abituati alla ricchezza, come noi europei che veniamo da una lunga e feconda tradizione scritta, è difficile tornare indietro. Rendetevi conto che la letteratura non è un piacere, un lusso per gente coltivata, ma è qualcosa che permette di studiare e di capire il mondo.

Il suo pensiero è una sorta di manifesto del nuovo umanesimo. Che parte da una spiegazione: Scegliamo solo parzialmente le persone in carne e ossa che ci stanno attorno. E difficilmente possiamo entrare nel loro spirito. Ci sono naturalmente più care dei personaggi dei libri. Ma i personaggi dei libri sono più parlanti, più eloquenti. Lo scrittore ci ha permesso di vederli come un altro noi stessi. Così possiamo decifrare le nostre emozioni per paragone, nominarle, in un certo senso dare compiutezza alla nostra esperienza di relazione con l’altro (varrà pure qualcosa no?). Se, con Kant, la vocazione dell’essere umano è quella di potersi mettere al posto di tutti gli esseri umani, la letteratura almeno prova a soddisfare l’esigenza. Lo ha sempre fatto. Offre riflessioni sulla nostra condizione, su come agiamo, come pensiamo, sulle nostre passioni. In sintesi: Ci permette di strutturare il mondo esteriore. All’origine, nelle caverne, fu obbligatorio: Non c’erano scritti, ma miti tramandati oralmente. Indispensabili alla formazione perché la specie umana nasce completamente impreparata ad affrontare la vita. Poi la lunga fase del testo. Che adesso entra in crisi a causa di potenti concorrenti come la televisione e Internet. Ecco dove lo volevamo (ma siamo davvero sicuri che ci sia un rapporto concorrenziale/conflittuale fra Tv e internet), Todorov ammette: Procurano la stessa materia che ci impedisce di essere perduti. I nuovi strumenti non vanno demonizzati, però maneggiati con cura, sì. Perché alcuni distinguo sono necessari. C’è la persona davanti a un testo, senza nessuna mediazione. Tutto l’immaginario, l’identificazione che ne nascerà sarà feconda ed esclusiva.

Non così con le fiction tv che rielaborano libri fortunati: Se vedo un personaggio interpretato da un attore non avrò più la possibilità di scegliere. Sarà quell’attore. È come per la rappresentazione teatrale di un testo drammatico. Lo rende più forte e più limitato al tempo stesso. C’è un esempio concreto. Uscì il libro di Umberto Eco Il nome della rosa. Molti lo lessero prima della sua trasposizione cinematografica, molti dopo (sono fra questi, e la mia sensazione fu quella di non perfetta aderenza caratteriale fra i personaggi del film con quelli che poi ho ritrovato tra le pagine del libro). I secondi non potevano tanto fantasticare su Guglielmo da Baskerville o Adso da Melk. Quanto a Internet (ahia!), andrebbe consumato come un mezzo, perché c’è tutto Platone là dentro, poi bisogna vedere come lo si fruisce. Sarebbe riduttivo fermarsi ai nuovi media e decretare che la letteratura è in pericolo solo per quella causa. I libri stanno diventando desueti anche a causa di un pensiero corrente per il quale non servono a niente.

Spesso la letteratura non viene presa in considerazione, dalle nuove generazioni, anche per un malinteso nel suo insegnamento che la rende noiosa. Todorov si scaglia contro il sistema scolastico. Anziché invitare alla lettura, ad andare alla fonte, alla parola, i professori preferiscono occuparsi del contorno, della esegesi del testo, di tutto ciò che è stato detto attorno. Quando sarebbe auspicabile il confronto diretto, il solo che permette il dialogo con la bellezza e che fa generare emozioni.La letteratura, suggerisce il pensatore francese, non è il patrimonio di un’élite che pretende di avere un’esclusiva sull’interpretazione. Troppi malintesi sono sorti intorno a questo supposto primato. La vittima sacrificale è il cosiddetto genere popolare che si misura a suon di libri venduti, sino a creare una incompatibilità tra successo commerciale e autentiche qualità artistiche. Tra il lettore comune che cerca nelle opere che legge come dare un senso alla propria esistenza e gli insegnanti, i critici, gli scrittori che gli rispondono che la letteratura parla solo di sé e insegna solo a disperare è sempre il primo ad avere ragione: Se non avesse ragione, la letteratura sarebbe destinata a scomparire nel giro di breve tempo. Così bisogna incoraggiare la lettura con ogni mezzo, ,compresa quella di libri che il critico di professione considera con condiscendenza se non addirittura con disprezzo. Spesso sono i volumi che hanno permesso a milioni di persone di costruirsi una prima immagine coerente del mondo che le letture successive renderanno poco per volta più elaborata. 

Il successo di Roberto Benigni, con Dante in prima e seconda serata su Raiuno, è un caso esemplare di complicità tra veicoli diversi. A patto che lo stimolo non si esaurisca nell’evento, ma sia un incentivo ad andare oltre, a quel benedetto testo contemporaneo ormai da sette secoli: Perché la televisione passa e va. 

Nello stesso tempo non vorrebbe solo guardare indietro. Contesta la teoria per la quale ormai sarebbe stato tutto detto e la letteratura che si produce non sarebbe altro che ricapitolazione: La storia ha smentito questo pessimismo eccessivo. È esperienza comune il fatto che ogni anno troviamo almeno un paio di libri che ci rivelano aspetti sconosciuti dell’esistenza. L’esistenza non si ricompone in un numero finito di caratteristiche. Le combinazioni sono infinite. La realtà è sempre in movimento e la gelosia non è per sempre come Molière o Shakespeare l’hanno fissata.

Quanti altri personaggi, usciti dalla penna dello scrittore, possiamo muovere accanto a noi, riempire una vita altrimenti terribilmente priva di forma? Todorov cita Oscar Wilde, quanto apparentemente più lontano da lui: La funzione della letteratura è creare, partendo dalla materia bruta dell’esistenza reale, un mondo nuovo che sarà più meraviglioso, più duraturo e più vero di quello che vedono gli occhi della folla. E ancora: La vita imita l’arte ben più di quanto l’arte non imiti la vita (quante volte ci ho provato). Non nega affatto che esista una relazione tra le due. Creare un mondo più vero implica che l’arte non spezzi il suo legame con esso. Da qui dovremmo partire, per (re)innamorarci di nuovo.

Annunci
2 commenti leave one →
  1. Anonimo permalink
    sabato 4 maggio, 2013. 15:16

    E’ vero che quasi sempre all’Università ci viene chiesto di citare il Saggio di questo o quell’altro scrittore o di rifarci a la tale o tal altra corrente di metodologia della critica letteraria come i formalisti russi o i decostruzionisti per citare solo due dei più importanti. Mai ci vien chiesto dal docente parlami delle tue impressioni sul tal romanzo, o dimmi che cosa ti ha sucitato la tal lettura. Come se noi come lettori non esistessimo o peggio ancora non avessimo un’identità o fossimo dei lettori ancora troppo acerbi per capire la Letteratura. Invece secondo me la vera letteratura è quella che parla al cuore e alle intelligenze di tutti i potenziali lettori quindi anche di noi studenti. Perchè quindi vergognarsi di avere qualcosa di proprio da dire sull’Opera Letteraria? La scuola, l’Università più che istruire dovrebbero educare al potenziamento delle possibilità-opportunità di crescita degli studenti e renderli consapevoli che il sapere o i saperi sono in continua evoluzione e crescita secondo la prospettiva vigotskiniana del socio-costruttivismo mai concluso mai oggettivo ma sì soggettivo e interattivo nonchè interculturale e multidisciplinare perciò dunque anche e soprattutto intertestuale. L’ ipertestuale e l’ ipermediale arrivano in un secondo momento poichè l’uso delle tecnologie permettono semplicemente un ampliamento di quelle connessioni e interconnessioni tra i testi e dunque tra i saperi e attivano una interazione tra scrittori e lettori più vivace .Internet deve servire ad attivarsi giammai a fossilizzarsi su temi e concetti ricorrenti ma sempre nuovi. come l’importanza della letteratura nella nostra vita e per la nostra vita.
    L’eperienza delle letture testuali arrichiscono i nostri orizzonti di senso consentendoci di viaggiare, o di navigare che dir si voglia su diversi livelli di testo. Vedi a tal proposito Pierce, Bachtin, Genette nonchè lo stesso Todoov; fermo restando l’importanza della figura centrale del lector in sè e per sè oltre che come ci viene proposto magistralmente da Umberto Eco. Quindi noi piccoli lettori per gli scrittori siamo importantissimi ma dobbiamo esserlo ancor di più per noi stessi perchè è a noi che diamo una opportunità in più con la attività di l e t t u r a. Certo a volte è un po’ faticosa ma sicuramente è ricompensata con la ricchezza di aver dedicato il nostro prezioso tempo a qualcosa di utile e di valido. Scegliere non è facile e nemmeno fare il primo passo lo è perciò sono importanti gli educatori che devono sempre di più essere altamente preparati ad affrontare diverse forme di approcci testuali ma anche umanamente vicini alla sensibilità dei discenti quindi capaci di motivarli, di incentivare la loro curiosità, di farli sentire significativa un’attività didattica. In un mondo dove conta solo la quantificazione monetaria di ciò che si fa, certamente leggere non è la cosa più profittevole nell’imediato, ma che darà i suoi frutti a lungo termine soltanto a chi crede in ogni istante alla verità di ciò che cerca e che per questo è.disposto ad attribuire una importanza al proprio tempo speso sui libri e/o su Internet da prendere sul serio per la propria formazione come persone, cittadini attivi di una società complessa e affascinante.

Trackbacks

  1. “Il manifesto del nuovo Umanesimo” Firmato Tzvetan Todorov. | LEGGERE PER

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: