Skip to content

«La verità sono tutte queste cose. La verità non è nessuna di queste cose. La verità è solo qualcuna di queste cose»

mercoledì 12 novembre, 2008.

Se qualcuno si dovesse trovare a passare per la Forsyth Street di New York, e per l’esattezza al numero 208 dove c’è la Half Gallery, in questi giorni potrebbe ammirare un suo recondito sogno o semplicemente un incubo a occhi aperti: la cantante più discussa degli ultimi decenni Amy Winehouse uccisa dallo scrittore William Burroughs, uno dei padri della beat genereration. In realtà l’emblematico autore di Naked Lunch è morto nel ’97, non prima di aver ucciso per sbaglio sua moglie con un colpo alla testa nel maldestro tentativo di imitare Guglielmo Tell. Quella che si trova esposta è quindi soltanto una statua, una rappresentazione minuziosa e decisamente credibile di una scena impossibile. Un omaggio alla cantante e allo scrittore da parte dell’artista italiano Marco Perego o la ormai classica provocazione dispensatrice di cinque minuti di notorietà.

marco-perego

Annunci
2 commenti leave one →
  1. Very Victoria permalink
    mercoledì 12 novembre, 2008. 23:30

    Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.
    Nescio, sed fieri sentio et excrucior.

  2. giovedì 20 novembre, 2008. 22:51

    i love his art – watch mine on http://ladym1.wordpress.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: