Skip to content

Libro dell’anno 2008

venerdì 12 dicembre, 2008.

voteLo scorso hanno, agli esordi sul web, Eremoletterario propose sulla scia di Benjamin libri, la rubrica domenicale del direttore del TG1 Gianni Riotta, le nomination per assegnare il prestigioso riconoscimento di libro dell’anno. Anche quest’anno riproponiamo il sondaggio che tanto successo ha avuto, questa volta non appoggiandoci a siti esterni, pur sapendo che classifiche e nomination non sempre possono rivelare i libri che ci hanno appassionato durante i nostri 365 giorni di letture. 

Non tutti i libri che ho presentato in questa lista sono usciti quest’anno, ma nel 2008 sono comunque stati presenti nelle classifiche di vendita ed ad ogni modo hanno conquistato popolarità. C’è la possibilità di scegliere più di un romanzo e volendo segnalarne uno a proprio piacimento, lo inserirei immediatamente nella lista. Cosa aspettate indicate la vostra preferenza entro il 31 dicembre.

Annunci
4 commenti leave one →
  1. venerdì 12 dicembre, 2008. 12:41

    Ciao! Ho giusto anche io pubblicato un post “simile”, diciamo…Per me il libro dell’anno è Sardinia Blues, ultimamente vado poco incontro ai “grandi successi”. Preferisco spulciare le librerie (intese spesso come il mobile che contiene i libri, a casa d’altri) e trovare spunti “diversi”.
    E poi, non ho più tempo di leggere!! 🙂

    • venerdì 12 dicembre, 2008. 16:27

      Però sono i grandi successi che caratterizzano e segnano un anno, anche se poi come ricordavo la nostra storia di lettori ha poco a che fare con le classifiche di vendite. Nello stilare una classifica o eleggere il libro dell’anno è insito il rischio di cadere nello scontato, eppure dato che un anno finisce si dovranno anche tirare le somme, o no? Un valido esercizio per capire tendenze, anche se preferirei chiamarle traiettorie, e quindi dove stiamo andando e cosa per noi (a questo punto a livello collettivo) è stato/è significativo.

  2. redazioneviaggi permalink
    martedì 16 dicembre, 2008. 9:53

    Personalmente ho apprezzato molto LA STRADA.
    IL libro di LARSON ha avuto il merito di risvegliarmi dal topore autunnale con una storia avvincente e un personaggio femminile di gran fascino.

  3. giovedì 18 dicembre, 2008. 19:48

    Uomini che odiano le donne mi incuriosisce, forse lo regalerò. Sto per terminare La solitudine dei numeri primi e se leggo anche quello di Zafon forse esprimerò anche io il mio voto. Al momento la situazione è, come dire, interlocutoria…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: