Skip to content

I libri strenna per il Natale 2008

lunedì 22 dicembre, 2008.

un simpatico alluvionatoCrisi, esondazioni e pantegane roba davvero poco natalizia non trovate anche voi? E allora propongo presepi, panettoni e perchè no libri. Anche questo, come il post sul libro dell’anno, è una riedizione di un articolo dello scorso anno.

Repliche, esatto. Proprio come il pranzo di Natale, con lo stesso menù, sono rassicuranti perché conosciamo già il percorso. O anche  come gli addobbi nelle nostre case, sempre quelli rispolverati dalla cantina, sono commoventi perché creano quell’atmosfera tra favola e magia.

I libri da regalare a Natale!

In vista del Natale abbiamo selezionato, tra le novità in libreria, quelle che per noi sono le migliori letture per questo scorcio di fine anno o se volete un suggerimento per un regalo intramontabile: il libro.

Il primo titolo che suggerisco ai miei lettori non è una novità, dato che è già da un po’ in cima alle classifiche di vendita, e sicuramente stando alla critica promette davvero tanto. Dopo L’ombra del vento, Carlo Ruiz Zafòn torna nelle librerie con Il gioco dell’angelo. Riporto la massima pronunciata, in uno dei feuilleton di Martìn, da un cardinale, mentre alla luce di un candelabro intinge la lama del suo coltello nel veleno: “La poesia si scrive con le lacrime, i romanzi con il sangue e la storia con le bolle di sapone”.

Non può mancare Stephen King che torna al suo genere preferito: il racconto. Nelle tredici storie di Al crepuscolo King mette in scena l’imprevedibile umanità di personaggi che si trovano a vivere storie semplici o ai limiti del reale. L’11 settembre Scott si è dato malato e inizia a trovare in casa degli oggetti appartenuti ai suoi colleghi. Dopo che Monette si è sfogato, raccontando a un autostoppista sordomuto di essere stato tradito, sua moglie viene trovata morta in una stanza d’albergo. Janet è sposata ad Harvey da trent’anni e comincia a non poterne più, soprattutto dopo che lui è andato in pensione e ciondola tutto il giorno per casa. E un gatto arriverà direttamente dall’Inferno.

Per chi anche a Natale proprio non riesce a fare a meno di paranoia e alienazione Paul Auster è trornato in libreria con Uomo nel buio, una storia di insonnia e immaginazione a metà strada tra l’ucronia e la distopia.

Per quanto riguarda il panorama italiano i miei suggerimenti sono: La vita erotica dei superuomini Marco Mancassola e Stabat mater del sempreverde Tiziano Scarpa.

Infine, non posso esimermi dal consigliare la fresca ristampa della prima opera di David Foster Wallace La scopa del sistema con un introduzione di Stefano Bartezzaghi, un ottimo modo per avvicinarsi al mondo di DFW. Last but not least Vita e destino di Vasilji Grossman annoverato tra i libri che eclissano quasi tutti i romanzi che oggi, in Occidente, vengono presi sul serio e considerato dallo stesso autore il Guerra e pace del XX secolo.

Nel frattempo ragazzacci vi auguro buon Natale e buone feste e mi raccomando non dimenticate di votare il vostro personale libro dell’anno nel poll pochi post più in fondo!

Annunci
3 commenti leave one →
  1. martedì 23 dicembre, 2008. 22:26

    Bellissimo consiglio… su circa un 50 di regali che devo fare questo Natale… 37 sono libri. Una costante però che tu non hai citato… sono i classici… che regalo sempre ai bambini e i ragazzi della famiglia: Verne per i maschietti under 11… Alcott per le bimbe under 11… Rodari per i bambini under 7… e per i più grandicelli vario di anno in anno e da persona a persona! 😀

    • venerdì 26 dicembre, 2008. 18:54

      Infatti, lo scorso anno avevo letto un post in un blog dove venivano indicati libri per tutte le fasce di età e lettori, volevo fare anche io qualcosa di simile… poi sai com’è? le buone intenzioni si sono smarrite… quindi, il prossimo anno cercherò di essere più completo… anche se c’è da dire che sui classici si rischia, magari si regala un doppione. Queste erano delle novità, mettiamola così!

  2. venerdì 26 dicembre, 2008. 23:12

    Ah le novità sono sempre gradite! 😀 Anzi io le consiglio per i “lettori adulti”… diciamo che sui classici… con una buona “spia” in famiglia che ti indichi cosa si ha e cosa non si ha… come detto li consiglio per i ragazzi e bambini per formare in qualche modo una nuova generazione di lettori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: