Skip to content

About this blog

lighthouse.jpg

I blog non sono più dei semplici diari sul web, sono ormai dei veri e propri spazi virtuali usati come palcoscenici amatoriali in cui esprimere creatività e condividere esperienze. Sono una nuova diffusa forma di comunicazione e di socialità.

Negli ultimi anni ho scoperto le potenzialità dei blog e immagino che tante ancora ne dovrò scoprire. Le possibilità sembrano infinite. Sono columnist, editore e grafico dello stesso prodotto. Chi non ne sarebbe affascinato?

Questo blog non viene creato per rendere una immagine riflessa di me, o peggio ancora mettere una maschera telematica alla mia personalità. Non ho intenzione di sperimentare prosa, creare poesie o quant’altro. Non scrivo per aspirazioni personali, fantasiose necessità terapeutiche ne tanto meno perché un blog ormai ce l’hanno tutti (è il suo aspetto “in”). Questo spazio è la mia personale palestra. Procederò per approssimazioni, perché nelle cose è il metodo che ho sempre utilizzato. In quanto palestra necessiterà di costanza, che è il mio unico vero proposito. L’idea sarebbe quella di trattare settimanalmente dei temi controllati, ovvero etichettabili (gergo blogger). Non cercherò a tutti i costi di essere originale, bensì personale. Siamo tutti più o meno originali e nel web è scritto davvero di tutto. Cercare a tutti i costi l’originalità credo sia alquanto controproducente, cercherò ad ogni modo si essere per lo meno poco convenzionale (altra nota chimera).

Questo blog è, o dovrebbe essere, tematico. Ovviamente non è semplice, perchè richiede una certa conoscenza della materia che si va a trattare, qualunque essa sia. In realtà, su nessun aspetto del reale (e non) posso dire di avere una preparazione tale da andare con le mie gambe, ma questa può essere l’occasione buona per attivare la mia conoscenza sul campo. Focalizzerò infatti i miei post sulla letteratura, i libri, romanzi, racconti e autori. Sostanzialmente le mie letture. Appunterò anche qualche lettura per il futuro. A dire il vero la maggior parte dei libri che mi interessano sono quelli che non ho ancora letto. Chi capiterà da queste parti, non dico che potrà evitare di leggere il libro; sicuramente se bello va letto, ma può risparmiarsi la lettura di qualche antipatico romanzetto segnalato. Difficilmente ne individuo uno da mettere alla berlina, ma in quanto pseudocritico mi toccherà alzare gli standard. Ovviamente non è che non ho nulla da fare, quindi, fra i tanti, l’impegno sarà quello di tenerlo attivo e aggiornato. Ho pensato che l’unico modo per vedere l’interesse della comunità della rete fossero le statistiche del blog, le chiavi di ricerca o i link. Tutto errato, sono i commenti gli insindacabili diagnosti per tastare il polso alla salute delle idee che popolano questi post.

One Comment leave one →
  1. bibomedia permalink
    martedì 4 marzo, 2008. 13:43

    🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: